Articoli categoria 2010 febbraio

Qualche info sul mio progetto [spazio pubblicità]

28 febbraio 2010personal

Molte persone mi hanno chiamato in questo mese per chiedermi informazioni sul nuovo progetto che sto seguendo, dopo l’annuncio di aver mollato tutto.  Non credevo ci fosse cosi tanto interesse  dato che sono entrambe progetti allo stadio più che embrionale.  Colgo però l’occasione per segnalare un bell’articolo uscito pochi giorni fa su Prima Comunicazione (che rimane la bibbia del nostro settore) in cui Claudio Cazzola mi fa una lunga intervista. Ed essendo un lettore di Prima da anni… non mi sono certo tirato indietro…. ed ho vuotato il sacco molto volentieri. I curiosi quindi possono leggere  l’intervista qui (ma comprate il giornale!).  Nel prossimo mese partirò alla ricerca di capitali presso VC, fondi e privati.  Vorrei rendere quanto possibile pubblico questo mio tentativo,  raccontando come intendo fare le presentazioni, come mi preparo, e quali risultati ottengo. Insomma una specie di “grande fratello VC”.  Se mi va male, almeno alcuni lettori interessati all’argomento potranno imparare come NON si fanno le cose. 😀

p.s.

per tutti gli amici del blog: ho messo una lista di risorse (alcune mie, alcune esterne) in questa pagina. Sarebbe bello se alcuni di voi che sono ferrati in molti settori dove io lo sono meno, mi segnalassero le risorse che usano e le guide che sono state utili.

Chart: scomposizione video Youtube e Adv

23 febbraio 2010Charts

Interessante chart proposta da SAI.  Su Youtube meno della metà  (41%) dei video hanno qualche forma di adv e tra questi il 94% è display,  il 5,5% pre-roll ed il resto overlays.  Se nel 60% dei video non c’è adv, e nei rimanti è solo display… non credo che il contributo di YT ai conti di google sarà mai cospicuo ….se continua così.

I video UGC sono il 17%  del totale.   in calo rispetto a sei mesi fa (-5%), ed anche i video  piratati sono in leggero calo, anche se rimangono piu di un terzo del totale (!!!). Sono in ascesa i video prodotti dai partner: in effetti YT sta facendo accordi con tutti per avere qualsiasi contenuto video, nella speranza di  avere cose legali e di qualità.

Rimane in me la curiosità: come è possibile che dopo 5 minuti che c’è una trasmissione in TV qualche “pirata” la metta in rete all’istante?  Le ore di trasmissione sono migliaia… e perche mai uno dovrebbe prendersi la briga di spezzare il festival di sanremo in 20 video perfettamente uguali e caricarli in fretta su YT ? Ogni tanto mi viene in mente l’idea che ci sia qualche sistema automatico (o semi) per trasferire questi video dalla tv al web, e poi assegnarli ad utenti fittizi.

E comunque rimango convinto  che Mediaset abbia qualche ragione nel fare una bella causa a google.

Dati e andamento Adv on line 2009

17 febbraio 2010Adv chart

Ho fatto questa tabella riassuntiva dei dati adv 2009 (basati sui dati FCP-Assointernet, elaborazione Nielsen). Se trovate inesattezze segnalate pure.

mercato pubblicità on line italia, grafici e tendenze

Commenti:

Nel cataclisma dell’adv in generale l’adv digitale è l’unico segmento che si salva rimanendo in positivo. La batosta si abbatte sopratutto su Periodici (-28%) e Affissioni (-25%). Essendo i manifesti e le pagine nei periodi presenti,  credo che la botta sia sia manifestata con un drastico abbassamento dei prezzi (cosa rilevante per gli altri mezzi).

La buona notizia è che internet arriva quasi al 7% del totale, anche se questo è dovuto al crollo (parliamo di piu di un miliardo di euro in meno)  dell’adv, e siccome internet ha retto ha accresciuto il suo peso % con maggiore facilità.

Riguardo all’online, nielsen continua a rilevare una decrescita importante delle DEM (-27%) che però non ha riscontro nella realtà dato che tutti gli operatori hanno trend in pari o in crescita moderata, ed anche i prezzi tengono bene.

Il Search cresce dell’11% arrivando al 55% del totale del digitale, mentre il display cresce del 4,5%, riducendo il suo peso nel totale al 29%, con 170 mln di euro circa.

Il Display insieme alle DEM, che sono ciò che rimane agli editori per vivere,  sono briciole rispetto al mercato adv generale, il peso è del 2-2,5%.  Questa è la somma da considerare come base per tentare di fare una mappa del mercato display,

L’andamento mensile 2009 (grafico a sx) denota una ottima primavera dopo “l’inverno nucleare”, ma di nuovo una stasi con numeri anche in negativo nell’estate, ed una moderata ripresa negli ultimi due mesi.

I primi mesi del 2010 secondo alcuni operatori sono incoraggianti e il trend -per adesso- sembra simile a quello degli ultimi mesi 2009.  Sperando che qualche stato europeo non faccia default…

Il Google WC ;)

16 febbraio 2010Google

Che spasso!!:D
(segnalato da E.Toro)

The NEW New York Times

11 febbraio 2010media

nytlogo379x64.gifL’altro giorno ero a parlare con un editore “old”, ancora abbastanza distante dalla rete, e mentre mi spiegava che la pubblicità online non crescerà più,  mi è tornato in mente un articolo  molto interessante di Techcrunch   di qualche mese fa  sul New York Times.  Il NYT  perde oggi 1 miliardo di dollari, e questo è il risultato di una pesante ristrutturazione, che ancora non ha portato il pareggio. 3 miliardi di dollari i ricavi (in calo del 10% dal 2005).  Il tutto fatto con 9300 impiegati.

Per la parte web: i dati di traffico sono 16 milioni di utenti unici mese, con 124 milioni di pagine viste. (Comscore Maggio). Sui 9300 impegati sono 1200 quelli del settore news e solo 400-500 sono “writers”.

Il sito del Nyt è quindi immerso in questo mare di persone e di costi, ed è difficile che ne “esca”.

Questi numeri (a tagli avvenuti) dimostrano che prima di un problema generico del giornalismo,  esiste un problema del “vecchio” giornalismo e delle strutture aziendali pesanti che non riescono a stare al passo con i tempi. Un modo di fare giornalismo che,  oltre a non essere adeguato ai nuovi mezzi, non è più sostenibile economicamente via via che una parte dell’Adv (ed il pubblico)  si sposta su internet.

Il gioco proposto da TC allora è il seguente:  creiamo una nuova azienda che fa solo il sito del nyt. Se è vero che il 10% degli editor fanno il 50% dei contenuti di qualità, allora prendiamo i migliori 50 giornalisti e strapaghiamoli con 200k dollari all’anno. Sono i migliori del mondo. 10 milioni di dollari di costo del personale, che con gli altri costi diciamo che raddoppiano a 20.

La migliore squadra del  pianeta quanto ci mette a raddoppiare i 16 milioni di utenti unici? Ed essendo uno dei primi  quotidiani al mondo come utenti, con 200 milioni di pagine viste, sarebbe già in pareggio con 20 milioni di fatturato. E dopo 5 anni scoppierebbe di utile. Valendo probabilmente sul mercato 200-500 mln come minimo. Ma ovviamente è una cosa impossibile ad oggi, ed il nyt rimane dentro il grande calderone, mentre intorno nascono come funghi i vari Huffington Post.

Insomma da questo esempio sembra quasi ci sia una incopatibilità tra vecchie aziende e nuovi media (tesi tutta da dimostrare).

Ma aggiungo io: che succede se i 50 un giorno si guardano negli occhi, e se ne vanno dal nyt per fare da soli una nuova testata?

Tutto quello che avreste voluto sapere sul sesso ma che non avete mai osato chiedere. (Chiedete a Google…)

11 febbraio 2010Critica

Direi che questo autosuggest e questo algoritmo sono è un pò maschilisti….

googl.jpg

Scegli un sito! (business Game)

8 febbraio 2010Advertising

aladdinlamp.gifImmagina che ci sia una lampada dove esce un Genio che ti permette di scegliere una delle seguenti situazioni. Quale è la piu conveniente? Quale dei 5 siti  ti faresti REGALARE  ?

  1. Un sito free con un milione di unici al mese che navigano una pagina di media, senza registrazione, con una visita al mese
  2. Un sito free con 500k visitatori che vedono 2-3 pagine a visita, senza registrazione, con una visita al mese
  3. Un sito con 200k utenti i quali tutti cliccano in un link o in un bottone del sito ( insomma fanno una action)
  4. 50.000 iscritti ad un database profilato
  5. Una community con 5000 iscritti al appassionati al sito  che ogni mese portano ciascuno 5 amici
  6. Un sito pay con 1000 iscritti ogni mese  che pagano 10 euro/mese

Sul sito una volta scelto si potranno fare interventi. Lo scopo è entro un anno tirarci fuori piu soldi possibile. A ciascuno la sua scelta, motivandola,  la mia la darà alla fine.

Le tante piccole aquisizioni di Google.

2 febbraio 2010blogging, Google

Un importante VC  statunitense ha confessato al Business Insider (chiedendo anonimato) che  in questo momento  Google sta trattando in contemporanea per l’acquisto di TRE dei suoi investimenti. Se un solo VC dice questo c’è da giurare che in questo momento google ha almeno 10-15 trattative aperte.

Questo fa capire quanta brama ci sia da parte di Google   di “spazzolare” dal mercato tutte le buone idee, evitando che diventino troppo grosse,  e quindi non più comprabili come è successo con Fb, twitter, Yelp.  Non credo quindi ci sia  un   dilemma “make or buy” che in questo momento è piu sul buy. Credo sia una vasta operazione volta a sopratutto a togliere di mezzo potenziali  concorrenti del futuro.

Questo lo si capisce dalla fine che spesso fanno queste acquisizioni: un articolo del BI riportava pochi giorni fa pareri di vari clienti (e successivamente di dipendenti) di Doubleclick che dicevano che Google sta distruggendo l’azienda. L’acquisizione ormai è datata e oggi pare evidente che è forse servita sopratutto a togliere la preda ad altri predatori.

Il size su cui si muove Google è adesso piu piccolo: questo forse  è dovuto ai limiti dell’antitrust americano, e sopratutto alla fuga di cervelli di cui ormai è vittima Google. Per citare l’esempio Feedburner: il fondatore e ceo dopo l’aquisizione da parte di G. è rimasto un pò e poi se ne è andato in twitter, non trovando in G. un adeguato spazio alle sue ambizioni. Molti altri talenti preferiscono mollare google per avventurarsi in startup.

Con tante piccole acquisizioni quindi google riesce a portarsi in casa menti nuove (ed interi team) e a legarle a se per dei periodi di tempo. Tutto questo comportamento denota però una mentalità sempre più da monopolista, che non sempre è una mentalità vincente.

Buon contenuto = alto ranking?

2 febbraio 2010media

Un ottimo contenuto messo in rete, equivale ad un ottimo posizionamento nei risultati del motore di ricerca? E’ una leit motiv che si sente spesso (lo dice anche google nelle sue guide) ma non è proprio vero.

In realtà è noto che il posizionamento dipende sopratutto della quantità di link presenti nella rete verso il contenuto, a prescindere  dalla qualità. La rete (con le regole di Google)  non è quindi meritocratica, ma  -un pò come la vita-  è una grande gara di popolarità. Se trovi modi furbi per distribuire e diffondere i tuoi contenuti hai piu successo che se fai contenuti di qualità.

Come nella vita, avviene che la piccola osteria casalinga che è eccellente, rimane sconosciuta alla massa rispetto al ristorante alla moda che lavora di marketing e di pubblicità, senza avere una buona cucina.

E un pò come nella politica, dove ci sono pochi politici che propongono delle soluzioni razionali e pacate, ma poi la gente vota sempre quello che urla  e che sa vendersi meglio (ma che perlopiù è incapace). E che governa.

Se questo è vero (ed è abbastanza vero) il web è un vero schifo. L’attenzione in questi anni è sempre piu nel linkaggio e nella promozione (anche nei social) dei propri contenuti più che nella qualità del contenuto stesso. Con un evidente calo della qualità dei contenuti che a me sembra sempre più evidente.

Non sono un lamentone che ha problemi con il SEO. Io ad esempio mi trovo nell’assurda posizione di avere un sito fatto da giornalisti che lavorano sodo, e vedere che un aggregatore esce con i nostri articoli al PRIMO posto nella serp, mentre l’articolo originale neanche è in prima pagina. Perche l’aggregatore ha un PR alto ed è linkato.  E c’è solo da chinare la testa, perche non puoi protestare con un algoritmo.

D’altra parte c’è chi dice che se una cosa è molto linkata è necessariamente una cosa buona. Se molta gente lo linka vuole dire che molta gente lo apprezza. Io la trovo un pò una cazzata perchè il link non determina un giudizio sulla qualità del contenuto ma solo  il “buzz”.

Ma purtoppo non c’è oggi una alternativa alla dittatura del link. Garantisce comunque dei risultati decenti, rispetto ai vecchi motori che basavano i risultati sull’analisi della pagina.

Sarebbe certo più onesto che Google lo dicesse nelle sue guide. “Non importa quali contenuti fate o come li fate, basta che siano linkati. Ed in bocca al lupo!”

Commenti recenti | Post recenti


Copyright Luca Lani | My Company: Citynews
bottom