Articoli categoria 2010 giugno

Aiuto! Siamo in troppi.

22 giugno 2010media

Stamattina  lancio del sito IlfattoQuotidiano (Travaglio & Gomez).

Ecco come appariva dopo poche ore. Sicuramente il Fatto fa molto traffico (secondo me anche 100-200k visite day), ma il problema a monte è che il sito è fatto con WordPress. Non è pensabile fare un quotidiano da 200k visite day con software pensato per gestire un blog. Va bene che è gratis e va bene che “fa figo”, ma  insomma, ha i suoi limiti.

Quelli del Fatto, hanno avuto pure il tempo di fare una bellissima jpg con tanto di ombrina per rendere carina la pagina di errore. Forse andrebbe messa la stessa cura nella scelta del CMS e nella scelta del team sistemistico. Anche perchè la pagina di errore restituisce un 200, quindi Google la indicizza pure.

Aiutooooo! Siamo troppi.

No, vi serve solo un pò di strategia! 😉

Niente piu search

22 giugno 2010Google

Carlo Poss, presidente Fcp-Assointernet, segnala che “questo mese non è stato possibile accertare il dato relativo alla “Search” a causa di una mancanza di informazioni da parte di Google che non è disponibile a fornire i suoi dati. Nel passato si è cercato di ovviare a questo limite effettuando una stima dei valori della ‘search’ di Google. Poiché questo metodo ci è stato segnalato essere impreciso e poiché lo Statuto FCP-Assointernet prevede che i dati dell’Osservatorio Fcp-Assointernet siano relativi alle dichiarazioni puntuali degli Associati dichiaranti per offrire un valido termine di paragone a ciascun Associato, si è deciso di sospendere la pubblicazione del dato di tipologia ‘search’ in attesa di trovare una modalità che consenta di accertare il fatturato totale anche di questa tipologia senza incorrere in valutazioni errate o arbitrari“.

-> Pare che google sino a pochi mesi fa cooperasse informalmente validando i numeri del mercato. Da inizio anno pare che abbiano smesso ed infatti i numeri si sono fatti “ballerini”. Di certo se Google smette di comunicare i numeri, vuol dire che non sono più esaltanti.

Il Sole24ore passa al pay?

16 giugno 2010media

Via Pandemia

Il sole24ore  dopo la visualizzazione di 20 articoli fa apparire la schermata:

In realtà non è un vero passaggio al PAY perchè l’iscrizione base rimane gratuita. Probabilmente l’idea è di creare una base utenti profilata ed iscritta su cui poi fare azione per trasferirla sulla parte premium.

Effetti della scelta:   + iscritti,  ma  – pagine viste

Spero che si siano fatti i conti per bene, perche quello che guadagni da una parte (abbonamenti) lo perdi dall’altra (pagine viste) e non è scontato che la differenza abbia un risultato positivo.

Secondo me rimane  un giusto tentativo, da parte del Sole, perche è un prodotto editoriale che fa parte di quella cerchia di mezzi di informazione (direi molto ristretta)  di qualità che “ha senso” pagare o leggere mediante iscrizione. Non credo sia la stessa cosa per Repubblica o Corriere.

Ovviamente se vuoi leggere per sempre il Sole24ore basta cancellare i cookie, ormai anche mia figlia di 6 anni lo sa fare. 😉

Arbitraggio: come fare milioni di euro usando google

14 giugno 2010Advertising

In un post di qualche settimana fa si era parlato di Arbitraggio. Ho pensato fosse utile spiegare a chi non conosce questa pratica il funzionamento ed i risultati, anche perchè si parla di decine e decine di milioni di euro che vanno nel bilancio di google e degli operatori che lo praticano.    Per spiegare bene il meccanismo  ho chiesto una mano a Claudio Zamboni,  Ex industry leader Entertainment & Telco Google It,  ed attuale CEO di Digital ReveNew. In fondo alla breve intervista ho caricato alcuni screenshot con un esempio.

LL:  Ciao Claudio. Ci spieghi cosa è l’arbitraggio?

Come in finanza o nella economia “fisica” il concetto di arbitraggio individua una pratica di marginazione attraverso l’acquisto e la rivendita di prodotti o servizi per i quali esiste una differenza di prezzo nelle due fasi, in ambito digitale si intende un modello di business applicato da molte aziende, che hanno generato enormi profitti in pochi anni, attraverso lo sviluppo di un markup tra l’acquisto di un click sui motori di ricerca e la sua rivendita ad altri inserzionisti. Nella fattispecie, il processo si articola in questo modo.

Un’azienda (l’arbitraggista) acquista traffico dai motori di ricerca sotto forma di click (cioè di persone che cliccano sulle inserzioni pubblicitarie che sui motori prendono la forma di link sponsorizzati) e veicola questo traffico su pagine di atterraggio, tecnicamente chiamate landing page, sulle quali sono presenti contenuti editoriali ed altre pubblicità, per lo più sotto forma di altri link testuali sponsorizzati.
I link sponsorizzati sono presenti su queste pagine grazie a modalità di affiliazione con gli stessi motori di ricerca, che distribuiscono i text ads anche su network di siti esterni (ad esempio Google Adsense).
Nel momento in cui il costo unitario di acquisto dei clic è minore del costo di vendita della pubblicità sulle landing pages, allora si sviluppa margine positivo.
Il fenomeno dell’arbitraggio esplode questo meccanismo. Leggi tutto l’articolo

Repubblica a pagamento con H3g, fine della neutralità della rete!

8 giugno 2010media

Oggi ero in treno per Vicenza, e mi sono collegato con il mio iphone a Repubblica.it. Ecco la schermata che mi è apparsa:

Ho provato e riprovato ma non c’è verso. H3g alla richiesta del sito www.repubblica.it  mi ridirige ad un suo sito dove mi avverte che se navigo su www.repubblica.it pagherò  0,09 euro a pagina vista!!! Cosi se con la chiavetta di 3 dal mio portatile mi collego vedo repubblica.it senza problemi, se con lo stesso operatore mi collego via browser dall0 smartphone mi rimandano nelle loro pagine con le tariffe assurde.

La cosa è a mio avviso  molto grave:

– Io compro uno smartphone e pago una flat al mio ISP per navigare con il browser sui siti internet a mio piacimento. Se tu ISP mi impedisci  di navigare su alcuni siti stai violando il principio della neutralità della rete e non sei piu neanche un ISP. Io ti mollo appena posso. Leggi tutto l’articolo

50 anni di mercato adv USA [Chart]

4 giugno 2010Mktg chart

Commenti recenti | Post recenti


Copyright Luca Lani | My Company: Citynews
bottom