Articoli categoria 2010 novembre

Tabella acquisizioni società web italiane – Ultimi 5 anni

28 novembre 2010media

La notizia che Aruba (che credo abbia piu di 15 mln cash) vuol comprare Dada ha stupito un pò tutti, ed è di buon auspicio per mercato. Speriamo che il 2011 sia un anno con piu “movimento”, rispetto al passato biennio decisamente comatoso.

Ripubblico quindi, con gli aggiormenti degli ultimi anni,  la tabella con le acquisizioni di aziende web italiane (anche su sollecitazione di alcuni lettori).  Sicuramente mancano molte operazioni, così come mancano molti dati. Molte caselle le potrei riempire con delle mie stime ma non mi pare corretto nei cofnronti degli aquirenti, e lascio quindi ai commenti le eventuali valutazioni. Se siete a conoscenza di altre operazioni  (cose sopra i 100/200k come minimo)  segnalate pure!

Aquisizioni in Italia – Settore web ultimi 5 anni

I valori sono sempre delle stime

Periodo Target Acquirente Valutaz 100% Fatturato Target EBITDA target Multipl U.unici niels. epoca acquisizione Quota transata
mar-10 Bow.it e Ovo.it Terashop 2,2 mln nd nd nd nd 100%
mar-10 Newstreet Edizioni master nd nd nd nd 200k 100%
mar-10 PromoDigital Wikio 3 mln (pagata con carta?) nd nd nd nd nd
Nanopublishing (network blog) GoAdv 200k nd nd nd nd nd
Blogbabel Liquida/banzai 10-50k nd nd nd nd 100%
feb-10 Blogosfere GoADV 1 – 2mln nd nd nd 1,5 mln 100%
ott-09 Borse.it BrownEditore 300k 400k nd nd 200k 100%
sett-09 Giocodigitale Bwin 110 mln (metà carta e metà cash) nd nd nd nd 100%
feb-09 Nexta media Itedi (Fiat) 1 – 2 mln 1 mln nd nd 800k > 51%
gen-09 Giallo Zafferano GruppSMG/ Banzai ~ 500k 200k nd nd 450k 60%
gen-09 Turisti per caso Edizioni master >  1mln nd nd nd 600k 100%
ott-08 Punto informatico Edizioni master 2 mln nd nd nd 600k 100%
mag-08 Telefonino.net Edizioni master 1,5 mln nd nd nd 800k 100%
apr-08 Wintricks Edizioni master ~ 200k nd nd nd nd 100%
mar-08 i-dome Edizioni master ~ 200k nd nd nd nd 100%
mar-08 Filmtv GruppSMG/ Banzai nd nd nd nd 300k 70%
mar-08 Zingarate.com GruppSMG/ Banzai nd 400k 200k nd 200k 65%
mar-08 CookAround GruppSMG/ Banzai 500k nd nd nd 800k 60%
feb-08 Blogo (2 step) Dada ~3,5 mln 900k 200k x 17 2 mln 40% (+30% di prima)
dic-07 castlerock.it Multiplayer nd nd nd nd 250k 100%
dic-07 Soldionline Banzai > 1mln nd nd nd 300k 60%
nov-07 Bloo.it GruppSMG/ Banzai 500k nd nd nd 450k 60%
ott-07 Mymovies IBS 2 mln 400k 100k 20 volte ebitda 1,5 mln 60%
ott-07 Excite GoADV (Ascani) 2,7 mln nd nd 9 volte ebitda 1,2 mln 100%
lug-07 Altervista GruppSMG/ Banzai nd nd nd nd 4 mln 51%
giu-07 Blogosfere Sole24 2,4 mln 50k 0 50 volte fatturato 1 mln 30%
mar-07 ADvance NetBooster 1,8 mln + ern out nd nd 7 volte ebitda 1 mln 100%
mar-07 Automobili.com RCS 2 mln nd nd nd 1 mln 100%
feb-07 Blogo Dada 2,4 mln 400k 50 45 volte ebitda 1,8 mln 30% con opzione per 100%
nov-06 Oroscopi.com Conde nast nd nd nd nd 400k 100%
dic-06 Casa.it Murdoch 9 mln nd nd nd 700k 90%
ott-06 Splinder Dada 5 mln 100k 0 50 volte fatturato 1,2mln 100%
lug-06 Bow Dmail Group 2,1 mln nd nd 7 volte ebitda nd 51% con opzione per 100%
set-06 Eprice Ainio nd > 10 mln nd nd nd > 51%
giu-06 Sems Fullsix 900k nd nd 8 volte ebitda nd 70%
gen-06 Studenti.it Ainio 2,5 mln 2 mln 290k 8 volte ebitda 1,2 mln 70%

La catena del sistema pubblicitario. Valori delle intermediazioni

12 novembre 2010Adv chart

Interessante chart tratta da una presentazione di Simply (grazie a snipers) da cui si evince la ripartizione dei ricavi adv tra i vari attori nel mercato US.  A partire a 5 $ cpm che paga mediamente un cliente su network di valore,  via via nella catena sino ad arrivare all’editore.

All’editore arriva 1,80 $ ovvero il 36% del totale che paga il cliente, mentre il restante 64% rimane nella catena di intermediazione :

La situazione quindi non è molto diversa dall’Italia , dove in base alla mia esperienza la catena è abbastanza simile, forse i CM intermediano ad un costo un pò maggiore  ed all’editore arriva forse un 30%.

Sull’efficienza di questo sistema si potrebbe discutere a lungo anche se c’è da dire che con le centinaia di concessionarie e siti è inevitabile che ci siano degli intermediari, altrimenti i clienti dovrebbero impazzire.

La scommessa che fanno taluni è quella di softwarizzare parte di questa catena con sistemi che permettono di saltare una parte dei punti del flusso  facendo spendere meno al cliente e facendo guadagnare di più l’editore. Francamente non so se  sulla display questo sarà mai possibile…

Mappa con tutti gli attori  Clicca per vedere grande :

Google paga il 2% di tasse in Europa (Don’t be Evil)

8 novembre 2010Google

Riporto in calce un interessante (ed incredibile)  articolo di Bloomberg, che spiega come Google di fatto non paghi le tasse in Europa. Difatti in tutti i mercati NON-US google paga appena il 2,4%. Il sistema in parole povere funziona così : tutto il mercato NON US  fa capo all’Irlanda (scelta perche ha le tasse piu basse di tutti) e poi una sussidiaria di Google (che detiene i diritti di utilizzo dei brevetti o servizi) che ha sede  alle Bermuda si fa pagare dall’Irlanda le royalties miliardarie per rivendere i servizi. Dei 12 mld che passano dall’irlanda  5,6 vanno alle bermuda, quindi tutto il margine. Il risultato è che le società europee sono tutte senza utili, e quindi non pagano le tasse ai vari stati.

Questo comporta due ordini di problemi:

Il primo di carattere di correttezza nei confronti del mercato. L’utile di Google è balzato del 26% ed il titolo è ormai schizzato a 620 dollari dai 400 di questa estate. Gli utili stellari sono quindi finti, dato che per metà del business non ci sono tasse.  Alcuni analisti dicono che con questo trucco il prezzo è almeno 100$ sopra quella che dovrebbe essere. Questo è scorretto nei confronti delle altre company hi-tech che magari invece le tasse le pagano.

Il secondo è di ordine morale (e in teoria legale). Google fa 12 mld di dollari tramite un paese europeo, ed ha sedi uffici e dipendenti in tutti i paesi europei. Per fare i suoi 12 mld di dollari  utilizza le infrastrutture tecnologiche messe a disposizione dagli stati. I suoi dipendenti portano i figli all’asilo contruito dallo stato, i suoi commerciali che vanno in giro a vendere adv, vanno su autostrade fatte dallo stato. Ma il contributo che Google da alla collettività è ZERO. Quindi è una logica parassitaria decisamente riprovevole dal punto di vista morale.

Cosa c’è di piu EVIL di questo?

L’Unione Europea che ha fatto il culo a Microsoft per anni, dovrebbe occuparsi di questa marea di soldi che sparisce. Non è un caso che in US Google le tasse le paghi, eccome. Forse il motto dovrebbe essere sostituito in “Dont be Evil…in USA“.

p.s. Anche Facebook pare stia creando un sistema simile triangolando tra Ireland e Isole Cayman.

p.s.s interessante video segnalato da SAL  http://www.youtube.com/watch?v=InFNedaNq6s

Leggi tutto l’articolo

Commenti recenti | Post recenti


Copyright Luca Lani | My Company: Citynews
bottom