Articoli categoria 2012 gennaio

Quando NON è il caso di fare una Start-Up!

30 gennaio 2012start-up

MI arrivano un sacco di mail e richieste di persone che vogliono fare start-up. Purtoppo molti non sanno bene di cosa si tratta e sono affascinati dall’idea. Pensavo di fare un vademecum ma ho trovato questa splendida presentazione di Dave McClure’s che dice già tutto. Startuppari, leggete bene!

Why NOT Do A Startup
View more presentations from Dave McClure

Solo l’1% dei Fan interagisce con i Brand

30 gennaio 2012Social Media

Shhhhhhhhhhh! Non ditelo ai resp mktg dei principali Brand che pensano di poter fare a meno della pubblicità   perchè a gratis hanno fatto  1 mln di fan (e pensano di  avere 1 mln di clienti).  😉

 

Slightly more than 1% of fans of the biggest brands on Facebook are actually engaging with the brands, according to a study from the Ehrenberg-Bass Institute, an Australia-based marketing think tank that counts Procter & GambleCoca-Cola and other major advertisers as its supporters.

To get to these findings, the researchers used one of Facebook’s own metrics, People Talking About This, the awkwardly-named running count of likes, posts, comments, tags, shares and other ways a user of the social network can interact with branded pages. It was unveiled last fall as a way of giving advertisers a sharper look at at the level of activity on their pages.

http://adage.com/article/digital/study-1-facebook-fans-engage-brands/232351/

 

Brusco calo cpc di Google

23 gennaio 2012Google

Interessante grafico con andamento del volume (magazzino impression) e del prezzo a click del sistema adv  di Google.

Come si vede il prezzo registra un  aumento costante con una media del 5% a trimestre da due anni a questa parte, mentre il magazzino cresce più velocemente, intorno al 15%. Negli ultimi due Q il magazzino è cresciuto molto di più  (28%  e 34%) e questo ha portato ad un brusco abbassamento del prezzo con un -8%, forse complice anche la crisi.

 

Io come editore registro una media di 0,15 euro a click in leggero calo da inizio 2011, e quindi trovo conferme di questo grafico.

fonte (SAI)

Il segreto dell’algoritmo di google

23 gennaio 2012Google

sono………..gli umani!

Google assolda schiere di umani pagati 14 dollari all’ora per dare il punteggio di qualità al suo indice, e così corregge l’algoritmo, che evidentemente dopo 14 anni di sviluppo, ancora non funziona bene.

Gli umani sono però ricercati da aziende in subappalto, e devono passare severi test, e possono lavorare massimo 20 ore alla settimana….;)

da SAI

Commenti recenti | Post recenti


Copyright Luca Lani | My Company: Citynews
bottom