Se segnalazione di un lettore del blog che lavora in una importante concessionaria segnalo questa interessante vicenda di cui ha parlato anche Prima Comunicazione alcuni giorni fa.  IlFattoquotidiano con un articolo critica ENEL  e l’ufficio stampa manda una lettera dicendo che non compreranno piu spazi pubblicitari. Il fattoquotidiano con il suo proverbiale “tatto”  spiattella la  notizia online  dicendo che “non si piegheranno ai voleri di lorsignori“.

L’amico che lavora nella concessionaria mi dice che ENEL ha tolto una pianificazione  anche  da un loro sito, e mi dice che sa di un altro sito a cui è stata tolta la pianificazione alla stessa maniera, quindi pare essere una pratica non isolata.

E’ chiaro che la pratica di usare le pianificazioni come strumento per orientare la linea dei mezzi di informazioni  è una cosa orrenda. Ma è altrettanto evidente  che direttamente o indirettamente è una cosa che esiste da sempre.

Quando un cliente compra un mezzo lo deve apprezzare, ed in un certo senso ne sposa anche la linea.  Capita spesso che i clienti si lamentano dei commenti degli utenti che criticano, di sezioni con tette e culi, di presenza di concorrenti, o di grafica che non è gradita. La concessionaria o l’editore ascoltano sempre il feedback del cliente ed è inevitabile correggere, perlomeno in parte, la linea per rispondere alle esigenze dell’advertiser. In questo caso si è forse andati oltre,  sindacando su una opinione di un giornalista, è non è bello per un gruppo come ENEL.

Però questi del Fattoquotidano sembrano  delle vergini che camminano nude  in un bosco di lupi. Se scrivi che ENEL ha già organizzato la piu grande fregatura della storia:

“Sarebbe davvero sorprendente che a undici anni da quella che è passata alla storia come una delle più solenni fregature per il “parco buoi” della Borsa, per di più organizzata dallo Stato, il gruppo elettrico, che è ancora controllato dal ministero dell’Economia, tentasse il bis.”

…E’ evidente che ENEL si incazza e ti toglie dalla pianificazione.  Insomma gli stai dando dei truffatori, in maniera peraltro sguaiata. Se poi spiattelli on line la lettera dell’ufficio stampa rendendo tutto pubblico…..i vari investitori metteranno un bel crocione sopra di te.

Per adesso se lo possono permettere visto il loro ottimo bilancio in utile, ma non so quanto le vergini potranno continuare a stare tranquille in mezzo ai lupi.

Tag:,

Articoli Correlati