youtube.gifYoutube fa davvero un traffico enorme ed è ormai una tappa obbligata per ogni internauta. Ma che dire dei ricavi di questa azienda? Ancora oggi dalla sua nascita (3 anni fa) non è presente adv in nessun tipo. Eppure perche non mettere adv prima della partenza del video o accanto?

Non è solo un problema nei confronti degli utenti che potrebbero scappare se il sito si riempisse di adv. Il problema è che Youtube-google non sono proprietari della gran parte dei contenuti che girano sul sito. Il gigante VIACOM ha intrapreso una causa da 1 mld di dollari contro youtube per violazione del copyright. Sono infatti centinaia di migliaia i video e i contenuti di loro proprietà che sono stati inseriti dentro Youtube. E come è possibile che ci possa vendere sopra adv ?

Si vocifera che google abbia messo da parte un tesoretto di 1 mld cash in vista della sentenza che arriverà a breve.

Youtube ha appena lanciato il tool per agevolare i proprietari a identificare le violazioni di copyright. Con il nuovo strumento i titolari dei contenuti hanno la facoltà di bloccare, promuovere o autorizzare il contenuto tutelato dal copyright in cambio di una quota dei profitti di Google.

Google sembra però ritirare il braccio dopo aver lanciato il sasso.
In occasione della presentazione odierna del nuovo tool, Google ha sottolineato di non agire in base ad alcuna responsabilità di natura legale. In realtà, ancora da prima che Viacom intentasse la propria causa da 1 miliardo di $ contro Google accusandolo di “grave violazione dei copyright” in marzo, Google insiste nell’affermare che, ai sensi del Digital Millenium Copyright Act (DMCA), la responsabilità di monitorare il contenuto tutelato da copyright spetta al relativo titolare.

“A prescindere dalla precisione dello strumento, è importante ricordare che nessuna tecnologia è in grado di distinguere il materiale legale da quello illecito senza il contributo da parte degli stessi titolari del contenuto”

Questo si legge su YouTube. Ma tali limitazioni della responsabilità non hanno impedito a Viacom di contrattaccare:

“Siamo soddisfatti di constatare che Google sembri assumersi le proprie responsabilità mettendo fine alla pratica di arricchimento basata su una violazione”

Questo afferma Mike Fricklas, principale avvocato di Viacom.
In altre parole, beccatevi questa, cazzoni.

Tag:, ,

Articoli Correlati