Ci risiamo: ciclicamente qualche vecchio rincoglionito parla in TV di internet senza sapere di cosa sta parlando, e la blogosfera reagisce con stupore e sdegno facendo partire appelli e lettere come questa :

Oggetto: Lettera aperta su Blog, Internet e mass media
Egregio Dott. Vespa,

Internet raggiunge nel mondo oltre un miliardo di utenti e in Italia circa 24 milioni di persone. Ogni giorno nascono circa 120.000 blog, per un totale di oltre 100 milioni di blog in tutto il mondo. Nel solo 2007, 44 milioni di persone si sono avvicinate con un ruolo partecipativo al più grande fenomeno sociale, culturale e democratico della storia recente (segue …..)

Sveglia, siamo nel 2008! Ormai tutti in tutto il mondo usano internet per fare tutto. Internet è una industria che da lavoro a milioni di persone, è sotto gli occhi di tutti. E noi oggi, con una lettera, dovremmo affannarci a spiegare a Vespa cosa è un blog e cosa è un social network….. …..sperando che capisca?!

E’ come cercare di spiegare ad un cavernicolo il principio della termodinamica: se ha freddo diamogli una coperta, ma lasciamo stare le spiegazioni inutili. E’ sopra le sue possibiltà.

Queste lettere andavano bene nel 1998 quando dovevamo spiegare al mondo che internet era una cosa utile per la società e non un gioco da ragazzini. Oggi dobbiamo al contrario teorizzare il digital divide (nei paesi industrializzati) : se non capisci (o non vuoi capire) internet allora devi essere emarginato.

Io per esempio da anni non intrattengo più rapporti di affari con chi non sa utilizzare le e-mail o chi se le fa leggere e stampare dalla segretaria. Se tutti facessimo così, molta gente sarebbe costretta a studiare prima di parlare. Ignoriamo i cavernicoli e lasciamo che alla televisione dicano ciò che vogliono.

Tanto fra qualche anno non ci saranno più nè loro, nè la televisione.

Tag:

Articoli Correlati

  • Non ci sono articoli correlati