Articoli categoria Company

Soddisfazioni

5 dicembre 2018Charts, repubblica, start-up

Le soddisfazioni della vita…

 

 

Refer google vs facebook

27 agosto 2015Facebook, Google, Social Media

http://uk.businessinsider.com/facebook-v-google-referral-traffic-2015-8?r=US&IR=T

 

Nel nostro caso la forbice è molto piu ampia…ed il superamento c’è già da un anno:

Pensare prima di sbraitare

13 novembre 2014Google

Dopo solo due settimane, Axel Springer, ha deciso di tornare dentro google con le sue testate, dato che il crollo del traffico non era sostenibile.

Il più grande editore tedesco, Axel Springer, ha deciso di porre fine alla propria scelta temporanea di impedire a Google di visualizzare nelle proprie pagine del servizio News frammenti di articoli protetti da copyright. L’esperimento – durato appena due settimane – si è fin da subito rivelato fallimentare, nel senso che ha causato il crollo del traffico sui quattro siti gestiti dall’editore coinvolti nella prova: welt.de, computerbild.de, sportbild.de e autobild.de.

Gli editori nostrani che sbraitano contro google dovrebbero riflettere BENE da questa esperienza. Non tanto per il chiaro e prevedibile  (ed insostenibile)  crollo del traffico  ma per la ovvia (ed insidiosissima) mossa di google

Nel frattempo Google ha rispettato la normativa, ma ora richiede che gli editori che intendono fare retromarcia diano un permesso esplicito alla società, in modo da evitare qualunque eventuale protesta o azione legale.

Google dice: non è che entri ed esci come ti pare e quando ti pare. Adesso per rientrare devi firmare la carta.

Ergo: Pensare prima di sbraitare.

Facebook Quota zero

14 marzo 2014Facebook

Un paper molto interessante da Olgivy Social :

http://www.ogilvy.it/doc_din/ZIESRPIEIU34434.pdf

In ogni modo, la lezione principale che dobbiamo tener presente mentre Facebook raggiunge il Quota Zero è che bisogna evitare di affidare tutte le proprie aspettativa a una singola piattaforma.

:)

Ahi Ahi Facebook

6 dicembre 2013Facebook

Da una settimana è dimezzato il traffico da facebook, dalle Fanpage.  Segnalo in merito  questo interessante articolo, ed anche questo. Facebook ha ammesso la volotà di ridurre la visibilità dei post delle fan page per spingere i brand a comprare la visibilità.

Questo alla lunga porta svantaggio a tutti gli stakeholders in campo: gli utenti vedranno contenuti quasi sicuramente meno qualitativi (se devo spendere un botto per spingerli, spenderò meno per crearli), le aziende inizieranno a trovare alternative (se devo spendere un botto di soldi, perchè devo spenderli su Facebook e non per trovare qualche maniera di portare la gente che è su Facebook su spazi di mia proprietà?), Facebook perderà utenti e azienda (e quindi soldi).

Aggiugno che il problema che sta a monte è che una azienda investe pacchi di soldi per avere una fanbase ed una fanpage, ma che una volta ottenuti non sono di sua proprietà. E un giorno facebook decide che devi pagare il triplo per comunicare con la tua fanbase, quando magari hai già pagato per crearla. Pensiamo che ci sono marche importanti (es mulino bianco) che ormai ridirigono tutta la comunicazione sulle fanpage…..

Google minaccia di buttare fuori dal search gli Editori Francesi

19 ottobre 2012Google

Secondo me, il legislatore francese (….e prima ancora gli editori) non hanno proprio capito cosa sta succedendo e come funziona il modo…

Google is reportedly considering excluding French media sites from its search results if the country continues to move forward with a proposed law that would require search engines to pay for republishing sections of new reports. According to a letter obtained byAFP, Google said that it “cannot accept” France’s proposed law and that “as a consequence [Google] would be required to no longer reference French sites.” Furthermore, Google said that it “redirects four billion ‘clicks’ per month towards the Internet pages” and that the law’s passage would “threaten [Google’s] very existence.”

via the Verge

(tnks Claudio Zamboni)

Facebook genera 34.000 posti di lavoro

17 maggio 2012Facebook

Da repubblica.it

Facebook in Italia ha generato nel 2011 un fatturato di 2,5 miliardi e creato oltre 34mila posti di lavoro. Performance, secondo una ricerca di Deloitte, inferiore solo ai mercati di Germania e Gran Bretagna (2,6 miliardi), i quali possono contare però su una popolazione più grande rispetto al bacino del nostro paese. Complessivamente nell’Unione europea il social network ha registrato un volume d’affari indotto di oltre 15 miliardi di euro, generando più di 230mila posti di lavoro.

Qualcuno sa spiegarmi come si può affermare che in italia facebook genera un indotto di 2,5 miliardi di euro e 34.000 posti di lavoro?

Le metriche delle fan page di Facebook

14 maggio 2012Facebook

Finalmente Facebook ha messo un analitycs valido e così mi sono messo a capire un pò le metriche del traffico che da FB passa ai siti. Difatti  FB è ormai una fonte sempre piu importante di traffico, per la mia esperienza da un minimo del 10% ad un massimo del 30%, per i siti che esistono da tempo.  Ci sono anche siti che hanno il 90% da FB ma sono casi particolari, e quello che arriva da FB non è traffico “naturale”.

Gli Insights di FB sono molto strani con dati e voci di difficile comprensione o comunque non assimilabili alle normali voci di un Google Analytcs.  Essendo io all’antica, per capire bene il flusso, ho preso una decina di fan page di diverso argomento per un totale di 500k fan ed ho estratto i dati ricostruendo il flusso nel vecchio e caro foglio excel.

Ho riscontrato importanti differenze tra Fan page e Fan page, per questo ho assommato i dati, cosi da avere per avere delle metriche  basate su delle medie. Ecco alcuni risultati.

Facciamo finta di avere una Fan Page con 100k fan, e facciamo finta che manderemo 10 post al giorno con link verso nostri articoli, cercando quindi di “portare”  gli utenti da FB verso internet (ovvero fuori).

Innanzi tutto la prima metrica che mi interessava era capire quanti utenti effettivamente vedono il post. Finalmente gli insights lo mostrano, post per post (per questo va fatta la media). Si vede tra l’altro una interessante differenza per la quale quando un contenuto è “dentro” FB (es una img caricata nella FP) le visualizzazioni sono doppie rispetto ad un link che porta fuori.

Comunque dai miei conti per le visualizzazioni dei post si oscilla tra il 12% ed il 28% con una media del 20%. Questo vuol dire che se mando un post nella fan page lo vedrà solo il 20% degli utenti. Da cosa dipende? Ovviamente in primis dal fatto che gli utenti non sono sempre collegati a Facebook.  In secondo luogo Fb ha evidentemente un algoritmo con il quale decide se e quanto spingere un certo post nei wall degli utenti. Tale algoritmo (in pratica una versione social del page rank) è a mio avviso  basato su fattori relativi al singolo post,  su fattori relativi alla Fan page, ed ovviamente a fattori relativi al gradimento dell’utente verso una specifica FP.

Senza dilungarci troppo, quindi  dalla base di 100.000 utenti arriviamo a 20.000 che vedono il vostro contenuto nel wall. Il tasso di click sulle visualizzazioni reali è compreso tra l’1% ed il 7% con una media del 2,25%. Abbiamo quindi 450 utenti, che sono oggettivamente pochi.  Supponendo però che mandiamo 10 post al giorno, avremo quindi 4500 click, che sulla base fan sono sempre il 4,5% ogni giorno.

Sembrerebbe un calcolo finito, ma la questione poi si complica: queste 4.500 persone hanno cliccato perchè interessate all’argomento e quindi è altamente probabile che operino uno “share” del contenuto che porterà quindi a conocenza del pezzo altri amici, che a loro volta potranno sharare innescando un meccanismo virale (piu una eccezione che una regola). Calcolare questo effetto è complesso, e le medie hanno poco senso. Posso dire che nei miei calcoli,  il reshare di primo grado arriva anche oltre al 50% sui 4500 utenti originari, anche se poi il traffico che arriva dagli amici di questi sharatori è relativamente basso, dato che di nuovo qui parte il “giro” che abbatte dell’80% la visualizzazione del post.  Salvo ovviamente contenuti virali.

Quindi nella mia esperienza posso dire che una fan page ben gestita, con una base fan vera, e con contenuti in target,  permette di trasferire sul sito ogni giorno circa il 5% della base fan. Ma se uno posta 40 post al giorno invece che 10? In primis bisogna considerare che ogni post ha anche delle reazioni negative come ad esempio la cancellazione dalla fan page di un tot di utenti, e quindi ha un prezzo da pagare.

In secondo luogo dalla nostra esperienza risulta chiaro che FB assegna uno score alla fan page in base a vari fattori tra cui sicuramente il tasso di interazione (e quindi gradimento) degli utenti. Se esso è scarso, la FP avrà uno score basso e la visualizzazione dei post da parte di fan (il primo gradino) sarà molto bassa (anche sotto il 5%). A quel punto la fan page è -come si dice- da buttare. Quindi è chiaro che con 40 post al giorno tale rischio è molto elevato.

Quando si guarda google Analytcs per avere riscontro dei numeri dell’insights di FB (ed io l’ho fatto) si deve  stare attenti a capire bene la provenienza del traffico Facebook. Difatti abbiamo un traffico che arriva “naturalmente” dallo sharing delle url o con il bottone “mipiace” e per il quale noi non facciamo nessun tipo di lavoro (potremmo quindi anche non avere una FP). Un’altra parte è invece quella relativa all’eventuale  lavoro “push” nella fan page, lavoro che comunque ha un costo (acquisizione fan, gestione fan page, contenuti dedicati).

Nella mia esperienza attualmente la voce “naturale” è ancora piu grande (anche se di poco) rispetto alla quota da FP, diciamo un 60%-40%.

In linea generale, risulta chiaro come questa fonte di traffico sia di crescente impatto per tutti i siti e che quindi sia necessario un lavoro ulteriore che spesso comporta l’introduzione di specifiche figure in azienda e/o la formazione di quelle esistenti. Per i decisori aziendali è importante poi calcolare esattamente il traffico aggiuntivo per verificare  se gli investimenti adottati si ripagano o meno, dato che non è per nulla scontato che lo sia.

Di certo possiamo dire che il SEO se non è morto, comunque sta perdendo notevolmente rilevanza.

 

(ps. un ringraziamento a Ferdinando Cirillo per il supporto con gli insights di FB)

16% il numero magico di Facebook

5 marzo 2012Facebook

Interessanti articoli sul SAI in merito al nuovo “formato” pubblicitario che Facebook ha presentato agli investitori pubblicitari a NY qualche giorno fa.

FB ha dichiarato che solo il 16% degli utenti iscritti ad una fanpage di una marca vedono un eventuale post della marca stessa. Attenzione: vedere vuol dire che compare nel proprio feed, non che lo vedi sul serio.

Quindi nell’84%  dei casi il messaggio proprio non può essere visto, negli altri casi viene mischiato al resto dei messaggi nel feed. Chiaro che anche un ctr dello 0,5% applicato solo sul 16% porta ad una interazione minimale, per cui anche 1 mln di fan servono davvero a poco.

Probabilmente molti resp mktg presi dall’euforia del momento, del dialogo con i consumatori, etc etc non si erano ancora accorti che l’impatto reale di una massa di fan molto ampia era comunque minimo.

Ecco che qua arriva la proposta di FB alle aziende:  trasformiamo il 16% in 100% e tutti i vostri FAN vedranno i vostri messaggi pubblicitari  (sino a che sono fan della marca).

Strumento pubblicitario suggestivo, che sicuramente farà ripartire la crescita delle revenues di Facebook che secondo SAI stanno decelerando e che non giustificano la valutazione stratosferica.

Certo che bisogna essere dei geni del mktg per convincere le marche a pagare per creare un database di propri clienti, senza lasciargli la proprietà dello stesso, e poi farsi pagare per OGNI volta in cui si vuole contattare questa base clienti.

Bravissimi! 😉

 

Brusco calo cpc di Google

23 gennaio 2012Google

Interessante grafico con andamento del volume (magazzino impression) e del prezzo a click del sistema adv  di Google.

Come si vede il prezzo registra un  aumento costante con una media del 5% a trimestre da due anni a questa parte, mentre il magazzino cresce più velocemente, intorno al 15%. Negli ultimi due Q il magazzino è cresciuto molto di più  (28%  e 34%) e questo ha portato ad un brusco abbassamento del prezzo con un -8%, forse complice anche la crisi.

 

Io come editore registro una media di 0,15 euro a click in leggero calo da inizio 2011, e quindi trovo conferme di questo grafico.

fonte (SAI)

Il segreto dell’algoritmo di google

23 gennaio 2012Google

sono………..gli umani!

Google assolda schiere di umani pagati 14 dollari all’ora per dare il punteggio di qualità al suo indice, e così corregge l’algoritmo, che evidentemente dopo 14 anni di sviluppo, ancora non funziona bene.

Gli umani sono però ricercati da aziende in subappalto, e devono passare severi test, e possono lavorare massimo 20 ore alla settimana….;)

da SAI

HuffPo in Italia

22 dicembre 2011repubblica

Si sa che l’Huffington Post arriverà nel 2012 in Italia. In Francia hanno scelto di allearsi con LeMonde con una partership societaria, e pare che la stessa cosa sarà fatta in Italia. Dovrebbe essere GruppoEspresso/Repubblica il partner.

Il senso della partnership credo sia sopratutto pubblicitario:  concessionarie indipendenti non ce ne sono più, vendersi da soli non è fattibile, quindi meglio allearsi.  Per il partner nazionale il senso è:  meglio averlo come amico e guadagnarci qualcosa rispetto che averlo come concorrente.

Commenti: in primis tutti danno per scontato che il successo negli USA di questo prodotto sia replicabile in tutti i paesi, mentre non è per nulla scontato. Non si tratta di piattaforme facilmente esportabili, ma di un  prodotto editoriale,  peraltro legato ad un direttore molto visibile e famoso tant’è che il gironale porta il suo nome.

A mio modestissimo avviso se pensiamo ad una alleanza  HuffPo e Repubblica venduto da Manzoni può essere un buon affare all’inizio (avere questa novità) ma poi può essere un gioco pericoloso. Se l’HuffPo va bene in termini di traffico può togliere audicence a repubblica, e inevitabilmente anche fette di crescita sull’adv. In generale la forza vendita potrebbe trovarsi con un prodotto che tira più di un’altro ed essere comunque defocalizzata.  Se va male sarà comunque un boomerang commerciale e di immagine, e comunque la concessionaria dovrà farci girare dei soldi (ci saranno degli obbiettivi) sempre a scapito di Repubblica.

Vero è che con questa strategia in tutti i casi riescono a “neutralizzare” un competitor che se sbarcasse da solo ed avesse successo potrebbe fare ancora più male. Insomma si gioca in difesa.

Di sicuro la strategia di avere piu mezzi e di lavorare a network è quella corretta per un grande gruppo che vuole investire in internet.

 

Il Cpc di Facebook è maggiore di quello Google

9 dicembre 2011Facebook

Il Cpc medio di Facebook ormai è decisamente superiore a quello di Google.  Cmq Non capisco come sia possibile che “internet” sia al primo posto mentre “Ecommerce”  e “Travel” in fondo…

tratto da Flowtown

Panda ipocrita?

1 dicembre 2011Google

Negli stessi mesi in cui  Panda falcidiava molto siti, alcuni anche buoni, libero è partito con 247, il suo aggregatore. Risultato: 17 mln di url indicizzate in Google…… http://www.google.it/search?q=site%3A247.libero.it&hl=it

Da zero a 1,650 milioni di utenti unici in una manciata di mesi.

 

Le pagine aggregate sono di qualità molto discutibile.  http://247.libero.it/dsearch/costituzione+italiana/ Qua, dove dovrebbero esserci notizie relative alla costituzione mi esce ad esempio la notizia che il il Circolo della Stampa ‘Pollino-Sibaritide’ conferma Cosimo Bruno come presidente. Nell’articolo di parla della “costituzione” del circolo della stampa e di Federazione della stampa  “italiana”.

Mi sfugge davvero come google possa permettere che 17 milioni di pagine come questa siano indicizzate e sopratutto come sia possibile che ci porta 1,6 milioni di persone.

Stai a vedere che Panda non è un algoritmo ma è solo un ingegnere che mette a mano  “0”  oppure un “1”  in un database?

Se quel grafico non cambia rapidamente credo che google non abbia più nessuna credibilità nel parlare di qualità della serp e nel dare indicazioni agli editori su come fare o non fare il loro mestiere.

Quanto vale un fan? Una bella presentazione

15 novembre 2011Facebook

Quanto vale un Fan?  Domanda difficile.  Una interessante presentazione qui su slideshare.

Estrapolo alcune slide.   Per sapere il valore va definito un ricavo e sottratto il costo. Il costo di un Fan è semplice :

 

Piu complesso è definire i ricavi, e nella presentazione se ne individuano 3. Visibilità, Branding, vendita diretta. Per la visibilità viene applicata la formula:

 

In realtà la formula è discutibile per varie ragioni. A parte che 5 cpm è troppo alto, ma poi la presenza in un feed di un utente non vuol dire avere l’effettiva visione. Però la formula è corretta.

Riguardo al branding è interessante questa slide dove si vede che la social ad exposure ha un alto impatto nell’intento di acquisto.

 

 

Per i ricavi diretti  ci sono esempi di brand che fanno offerte i propri fan. D’altra parte quel 40% è indicativo, è il primo motivo di iscrizione!!!

Si potrebbe stabilire quindi agevolmente (anche se dipende tremendamente da cosa CI FAI con i fan) il valore di una fan base.  Ma c’è un problema che chi fa SEO conosce bene. Facebook ha un algoritmo in continua evoluzione da cui dipende l’uscita o meno nei feed degli utenti. Anche perchè il totale delle FAN page a cui siamo abbonati è in continua crescita e quindi FB deve fare un filtro.

Quindi 1 mln di fan oggi potrebbero rendere x, ma tra un anno potrebbe essere la metà. Tanto per complicare le cose, 😉

 

 

Siri, occhio alla rivoluzione

17 ottobre 2011apple

Il nuovo assistant vocale della Apple è uscito da qualche giorno. Ho trovato una lunga serie di video esplicativi e di screenshot e trovo confermata la teoria di qualche post fa, ed ovvero che questo “coso” possa diventare rapidamente due cose: una vera rivoluzione ed un grosso problema per google.

Come al solito Apple non ha inventato nulla di nuovo: mi ricordo circa 11 anni fa giocavo in shell con una specie di intelligenza artificiale che poi altro non era che un database di domande e risposte che si incrementava nel tempo. Si chiamava “Alice”. Anche io ho finito per domandargli  “di che sesso sei?”

Siri alla fine è questo, ovviamente molto molto più sofisticato, ma sopratutto connesso alla rete ed ai motori di ricerca, quindi milioni di volte più potente.

Un esempio:

 

La domanda è che “chi vive in un ananas sotto il mare”. Siri non fa altro che collegarsi a Google analizzare i primi result e trova come occorrenza “SpongeBob”. A quel punto cerca “Spongebob” e trova tra i vari result la voce su wikipedia che spiega cosa è  Spongebob (per gli ignoranti è una simpaticissima spugna parlante). Impacchetta tutto e lo restituisce a voce. Stessa cosa per una ricetta, per una informazione, per una ricerca, per una mail, per tutto.

Ora la faccenda è che…oltre alla utilità  di questo assistant che per esempio fa tutto questo mentre tu magari lavori, corri, guidi……non sfuggirà ai piu attenti che questa è a tutti gli effetti una ricerca su internet…..senza passare da google.

E’ Siri che ti trova le cose, non è Google. E sono cazzi amari per Google, come si suol dire. Sparito il brand, la url, e la toolbar…..rimane solo un motore, ed un motore vale l’altro. E diventa irrilevante quale sia (più o meno).

Ma mi fermo qui con i commenti, prima voglio provarlo. Nel frattempo, se dopo Spongebob avete domande più terra-terra ecco alcuni esempi:

 


 

Come si può vedere è un assistente, preciso e sopratutto utile. Ma il piu bello è questo:

Eh, si quasi quasi li amo anche io.

 

(Shit that siri says)

Apple disintermedia Google (SAI)

30 settembre 2011Google

Interessantissimo articolo su SAI dove si racconta del nuovo assistant vocale dell’iphone IOS5 che permetterà di fare delle ricerche di qualsiasi tipo con la voce. Quindi si potrà ad esempio  fissare un appuntamento nel calendario dicendo “fissa appuntamento con Gigi venerdi ore 12 in piazza garibaldi”. Poi però ci sarà l’integrazione con le mappe e con il browser, e uno potrà domandare “come arrivo a piazza garibaldi?”. Sino ad arrivare a domandare  “ristoranti in zona garibaldi”.  Il sistema ricercherà magari su google fornendo i risultati a voce,.

L’articolo segnala come a regime questa modalità mette un “layer” tra l’utente e google, per cui sarà  “l’assistant” a trovare le cose e non piu google (anche se l’assistant userà google). L’utente avrà la percezione di trovare le cose con l’assistant senza sapere quale è il “motore” che sta sotto.

Questa è forse l’insidia peggiore che può arrivare a google…..

link: http://www.businessinsider.com/apple-google-mobile-search-2011-9

Tempo speso su facebook

29 settembre 2011Facebook

Senza parole… 😉

Google e la comprensione delle immagini

26 settembre 2011Google

Mi sono imbattuto qui. Google ha rilasciato questa incredibile funzionalità che permette di caricare una immagine,  e lui ne restituisce il significato. Ai più non sfuggirà che questo è un’altro passo verso una super-intelligenza artificiale che tutto comprende. Questo cervello mondiale è alimentato da centinaia di milioni di piccoli uomini (ovvero noi)  che ogni giorno classificano, taggano, socializziano,  milioni di elementi divenendo dei piccoli neuroni di questo megacervello. Questi miliardi di informazioni cominciano ad essere messe insieme, e questo cervello comincia da solo a fare dei collegamenti.  Ho fatto varie prove ed alcune sono stupefacenti. Leggi tutto l’articolo

Tabella siti colpiti da Panda

23 agosto 2011Google

Pubblico questa tabella presa da questo sito tedesco (searchmetrics) dove vengono elencati i siti che sono stati probabilmente colpiti da panda.  L’ordine dei siti è per numero di  visite perse.  Non si capisce però da dove prendano i dati e se siano davvero attendibili. Per la varietà e la tipologia di siti mi sa tanto di una penalizzazione manuale rispetto ad una algoritmica, anche perche se da una parte viene colpito Wikio, non si capisce perche non deve essere colpito Intopic che grosso modo fa lo stesso mestiere.

Domain Aktuell Vorwoche Veränderung Prozent
liquida.it 550.503 1.173.602 -623.099 -53,09
wikio.it 224.504 579.087 -354.583 -61,23
ciao.it 330.107 622.941 -292.834 -47,01
tuttogratis.it 465.814 698.916 -233.102 -33,35
fanpage.it 130.248 205.774 -75.526 -36,70
twenga.it 96.798 168.527 -71.729 -42,56
paesionline.it 73.873 145.393 -71.520 -49,19
pourfemme.it 51.299 121.816 -70.517 -57,89
pianetatech.it 13.791 78.349 -64.558 -82,40
n-jobs.it 40.691 105.196 -64.505 -61,32
tecnocino.it 22.881 87.222 -64.341 -73,77
gli-esperti.it 12.594 69.962 -57.368 -82,00
ilbloggatore.com 20.997 78.166 -57.169 -73,14
dooyoo.it 28.797 85.443 -56.646 -66,30
techassistance.it 13.010 68.674 -55.664 -81,06
romaexplorer.it 47.244 102.855 -55.611 -54,07
televisionando.it 49.567 103.146 -53.579 -51,94
geekissimo.com 67.176 116.160 -48.984 -42,17
webmasterpoint.org 16.540 65.115 -48.575 -74,60
shoppydoo.it 74.208 122.506 -48.298 -39,43
cylex.it 16.181 62.092 -45.911 -73,94
videodivertentiepazzi.it 49.903 91.563 -41.660 -45,50
webbando.com 17.346 58.590 -41.244 -70,39
gratis360.it 14.751 55.551 -40.800 -73,45
mobileblog.it 37.132 77.864 -40.732 -52,31
saperlo.it 28.818 69.032 -40.214 -58,25
webnews.it 17.956 57.698 -39.742 -68,88
tecnozoom.it 42.613 79.898 -37.285 -46,67
elettroaffari.it 27.006 63.860 -36.854 -57,71
italiasw.com 8.871 45.662 -36.791 -80,57
travelblog.it 19.617 55.929 -36.312 -64,93
dgmag.it 12.936 46.876 -33.940 -72,40
wickedin.it 27.437 58.850 -31.413 -53,38
onlinetutorial.it 21.580 50.663 -29.083 -57,40
pagineprezzi.it 10.966 39.585 -28.619 -72,30
assistenza-clienti.it 22.362 50.681 -28.319 -55,88
paperblog.com 7.706 35.885 -28.179 -78,53
allaguida.it 20.829 48.970 -28.141 -57,47
motori.it 16.381 44.334 -27.953 -63,05
gekissimo.net 20.815 47.190 -26.375 -55,89
diredonna.it 9.523 35.371 -25.848 -73,08
hotfrog.it 29.963 55.653 -25.690 -46,16
blogbabel.com 6.911 32.549 -25.638 -78,77
mondoinformatico.info 8.603 33.645 -25.042 -74,43
donkiz.it 10.204 33.506 -23.302 -69,55
vostrisoldi.it 10.883 34.078 -23.195 -68,06
guidaconsumatore.com 15.379 38.551 -23.172 -60,11
alatest.it 10.194 33.048 -22.854 -69,15
antag.it 6.182 28.874 -22.692 -78,59
diggita.it 11.142 33.796 -22.654 -67,03
annunciasubito.com 301 21.916 -21.615 -98,63
donnaclick.it 14.611 36.215 -21.604 -59,65
metello.com 15.968 37.568 -21.600 -57,50
lachiacchiera.it 9.626 30.541 -20.915 -68,48
navigaweb.net 21.101 40.909 -19.808 -48,42
inerboristeria.com 20.643 40.394 -19.751 -48,90
mooseek.com 16.188 35.740 -19.552 -54,71
iochiamo.com 6.423 25.666 -19.243 -74,97
zapster.it 9.880 29.019 -19.139 -65,95
medicinalive.com 14.080 33.025 -18.945 -57,37
webutation.net 8.717 27.011 -18.294 -67,73
gioxx.org 1.106 19.378 -18.272 -94,29
guadagnorisparmiando.com 9.538 27.642 -18.104 -65,49
hamstersoft.com 8.032 25.938 -17.906 -69,03
ciaoblog.net 828 18.566 -17.738 -95,54
shopmania.it 12.095 29.714 -17.619 -59,30
viaggioin.com 9.875 27.168 -17.293 -63,65
motortravel.it 6.043 23.102 -17.059 -73,84
veraclasse.it 3.613 20.493 -16.880 -82,37
aziende.it 8.637 25.456 -16.819 -66,07
italia-news.it 7.639 24.183 -16.544 -68,41
emagister.it 8.506 20.728 -12.222 -58,96
wn.com 1.789 9.642 -7.853 -81,45
tripwolf.com 2.167 9.247 -7.080 -76,57

Commenti recenti | Post recenti


Copyright Luca Lani | My Company: Citynews
bottom